Giornale radio


LA TELEVISION PAR FURLAN

  Nello spazio della programmazione di Rai 3 bis (canale 103 del DDT)  



vanno in onda








Martars 19.10 aes 14.40

In repliche vinars 22.10 aes 14.20 
 



YOYO - CARTONS ANIMÂTS IN LENGHE FURLANE

“La stele dal cine”

Ce biel fâ i atôrs! Ocjo però di no esaltâsi masse come che i à sucedût a Lussie, che e je deventade supierbe e braurine. Rivarano Yo e Yo a fâle tornâ la fantate simpatiche di une volte?



Yo e Yo a son doi zimui: lui al è timit e prudent, jê espansive e impulsive. Lui al pense une vore prin di agjî, jê invezit…e agjìs prin di pensâ. Tai moments dificii, però, i fradis a cjatin la sintonie e a tegnin in iniment che doi cjâfs a resonin miôr che un sôl. Simpatics, cualchi volte esilarants, a son acompagnâts intes storiis di tancj personaçs une vore divertents.  

La spale comiche de serie al è Ragoo, il cjanut dai zimui. Al è une vore afetuôs e scalmanât e al è bon di fevelâ e fâ di vuide ai zimui tes lôr aventuris.  

Cure e direzion dal doplaç: Claudia Brugnetta
Atôrs: Chiara Donada, Claudia Grimaz, Lucia Linda, Elvio Scruzzi, Davide Angeli, Federico Scridel
Traduzion par cure de ARLeF - Sportel Regjonâl pe Lenghe Furlane (Francesca Battistutta e Michele Calligaris).

 
 

Martedì  19.10, ore 14.20

In replica venerdì 22.10 ore 14.20


YOYO – CARTONI ANIMATI IN LINGUA FRIULANA

“La diva del cinema“

Che bello fare gli attori! Attenzione però a non montarsi la testa come è accaduto a Lussie, che è diventata superba e vanitosa. Riusciranno Yo e Yo a farla tornare la ragazza simpatica di una volta? 


Yo e Yo sono due gemelli: lui è timido e prudente, lei è espansiva ed impulsiva. Lui riflette prima di agire, lei invece… agisce prima di riflettere. Ma nei momenti critici i fratelli ritrovano la sintonia e ricordano che due teste ragionano meglio di una. Simpatici, a volte esilaranti, sono accompagnati nelle storie da tantissimi altri personaggi molto divertenti.  

La spalla comica della serie è Ragoo, il cane dei gemelli. È un meticcio molto affettuoso e irrequieto, che ha la capacità di parlare e guida i gemelli nelle loro avventure.   

Cura e direzione del doppiaggio: Claudia Brugnetta
Attori: Chiara Donada, Claudia Grimaz, Lucia Linda, Elvio Scruzzi, Davide Angeli, Federico Scridel
Traduzione a cura di ARLeF Sportel Regjonâl pe Lenghe Furlane (Francesca Battistutta e Michele Calligaris). 

 




Martars ai 19 di Otubar aes 21.40

In repliche vinars ai 22  di Otubar  aes 21.50

  

Vivi sul plan di Lauc

di Stefano Morandini
 

Chest saç di antropologjie visuâl al è il diari ilustrât di un an di incuintris, osservazions etnografichis, storiis di vite e di visions pal avignî, contâts dal antropolic Stefano Morandini.
Il plan di Lauc, pe sô posizion favoride, al jere abitât za te antichitât. Une testemoneance e ven des usancis di sepulture, clamadis Tombis dai Gans o Pagans sul teritori comunâl e che a contin che a un ciert pont lis popolazions di vuerîrs si son stanziadis e a son ladis sù par controlâ la val, un lûc di passaç impuartant.
La vite sul Plan si fonde propit su la ricercje continue di ecuilibri tra il numar di abitants, animâi e risorsis, almancul fin ae metât dal secul stât, cuant che il lâ a val al à causât il dispopolament di tancj paîs e i mistîrs agricui a son stâts bandonâts.
Il documentari al conte la storie “di chei che a àn resistût”, che ogni dì a cirin un ecuilibri dificil tra lis stagjons simpri plui curtis, e duncje cun simpri mancul fen, la menace des cuotis dal lat e il bosc che, dutun cui siei animâi, si svicine simpri di plui aes cjasis. 

 

  



Martedì  19.10, ore 21.40

In replica venerdì  22.10 ore 21.50    

 

Vivere sull’Altopiano di Lauco

di Stefano Morandini

 

Questo saggio di antropologia visuale è il diario illustrato di un anno di incontri, osservazioni etnografiche, racconti di storie di vita e di visioni per il futuro, narrati dall’antropologo Stefano Morandini.
L’Altopiano di Lauco, per la sua posizione privilegiata, è stato abitato fin dall’antichità. Ne sono testimonianza le antiche forme di sepoltura, dette Tombis dai Gans o Pagans presenti sul territorio comunale che raccontano di una sopravvenuta stanzialità delle popolazioni di guerrieri salite in alto per controllare il fondovalle, importante luogo di passaggio.
Ed è proprio dalla continua ricerca di equilibrio tra il numero di abitanti, animali e risorse che si fonda la vita sull’Altopiano, questo almeno fino a metà del secolo scorso quando l’inesorabile discesa a valle causò lo spopolamento di molti paesi e l’abbandono dei mestieri legati all’agricoltura.
Il documentario racconta la storia dei “resistenti” che cercano giornalmente un difficile equilibro tra stagioni sempre più brevi e quindi con meno tagli di fieno, la scure delle quote latte e il bosco che, assieme ai suoi animali, sempre di più si avvicina alle case.