Giornale radio


Raiplay

LA TELEVISION PAR FURLAN

LA TELEVISION PAR FURLAN




La  programazion di Rai 3 bis (canâl 810)

 

La programmazione di Rai3 bis (canale 810)

                           

 



 

Tv par furlan e slargjie la sô ufierte!  Daspò la TV dai fruts e rive su Raiplay la sezion Documentaris: di fat, di martars ai 2 di Zenâr o cjatarês i nestris gnûfs prodots, che o podarês viodi jentrant tal sît www.raiplay.it scrivint te striche di ricercje il titul dal program che o cirîs, o dome La Tv par furlan.

 

La TV par furlan amplia la sua offerta! Dopo la tv per i ragazzi arriva su Raiplay la sezione Documentaris: da martedì 2 gennaio troverete i nostri nuovi prodotti, che potrete vedere entrando sul sito www.raiplay.it  scrivendo nella barra di ricerca il titolo del programma che cercate o semplicemente La Tv par furlan.








Martars ai 20  di  Fevrâr   aes 14.20
In repliche vinars ai 23 di  Fevrâr  aes 14.20

NINE E OLGHE- CARTONS ANIMÂTS IN LENGHE FURLANE


NINE E OLGHE

“Nine e Olghe” e à tant che protagonistis Nine, une frute cetant curiose cuntun cjâf plen di riçots che e vîf tal Mont di Sot, e la sô miôr amie: Olghe, une nulute blancje. Une dì, cjalant jù, Olghe, che e vîf tal Mont di Sore cul Soreli, la Lune e lis agnis Grisonis, e viôt Nine che e côr daûr dal sô cjapiel e e decît di lâ ju par judâle. Chest al sarà il principi di une grant amicizie e di grandis aventuris in compagnie di Teo, compagn di scuele di Nina.

Cun divertiment e naturalece, vie pe serie, lis dôs protagonistis a acompagnaran i fruts dai 3 ai 6 agns tes piçulis sfidis di ogni dì, tignintju par man e imparant insiemi a capî e gjestî lis emozions.

 

 

La mirindute di Nine

Nine no viôt la ore di lâ a fâ une mirindute tai prâts insiemi cui siei. Il timp però nol è cussì bon. Al somee che il soreli al zuiedi cui nûi. Cumò al è, un moment dopo al sparìs. Olghe e Nine inalore a decidin di lâ dal soreli par viodi ce che al sucêt. Il Soreli al à il sangloç che lu scjasse di ca e di là. Nine, Olghe e Sonie a cirin di judâlu in dutis lis manieris che a cognossin par fâi passâ il sangloç. Ae fin cul metodi “un spac di chei” a rivin a liberâ il Soreli di chest probleme fastidiôs e biadelore Nine e pues lâ tal prât a fâ la mirindute cu la mame e il pai.

 

 

 

 

Martedì 20.2 ore 14.20

In replica venerdì  23.2 ore 14.20

 

NINA E OLGA  -CARTONI ANIMATI IN LINGUA FRIULANA

NINA E OLGA

“Nina & Olga” ha come protagoniste Nina, una bimba molto curiosa con una testa piena di ricci che vive nel Mondo di Sotto e la sua migliore amica: la bianca Nuvola Olga. Un giorno, guardando giù, Olga, che vive nel Mondo di Sopra insieme al Sole, alla Luna e alle zie Grigione, vede Nina rincorrere il suo cappello e decide di scendere ad aiutarla. Sarà l’inizio di una grande amicizia e di grandi avventure in compagnia di Teo, compagno di scuola di Nina.

Con divertimento e naturalezza, nel corso della serie le due protagoniste accompagneranno i bambini dai 3 ai 6 anni nelle piccole sfide quotidiane, tendendo loro la mano e imparando insieme a comprendere e a gestire le emozioni.

 

Il picnic di Nina 

E’ il giorno tanto atteso da Nina per fare un pic nic con i suoi genitori. Il tempo però non è dei migliori. Sembra che il sole giochi con le nuvole, ora c’è, ora sparisce. Olga e Nina allora decidono di andare dal Sole e capire cosa sta succedendo. Il Sole ha il singhiozzo che lo sballotta di qua e di là. Nina, Olga e Sonia provano ad aiutare il Sole con tutti i metodi conosciuti per far passare il singhiozzo. Alla fine solo con il metodo del “grande spavento” libereranno il Sole da questo fastidioso problema e finalmente Nina potrà fare il pic nic con mamma e papà.

 

 

 

Martars ai 20 di  Fevrâr   aes 21.20

Vinars ai 23 di  Fevrâr aes 21.40

FAM DI CLAPS

di David Nicoloso

Un ritrat su la vite dal scultôr furlan Giovanni Patat di Dartigne, dissegnât propit di lui e des personis che i son stadis plui dongje in ducj chescj agns: la sô femine e i siei trê fîs. Ponts di viste diferents che a contin la storie di un om che al à sielzût di deventâ scultôr e di vivi la sô Art cun dutis lis dificoltâts.
O jentrìn te sô cjase di Dartigne, curiosant tra lis oparis in mostre, e lu cjatìn tal so laboratori, dulà che al trasforme lis pieris puaris in oparis mestris. Giovanni, a 93 agns, al lavore ancjemò fasint piçulis sculturis che a puedin jessi paragonadis a viaçs, une esplorazion dentri de piere che, come al dîs lui, “…e je la sculture plui biele che si puedi fâ”. Une storie che dal presint si môf tal passât e nus fâs discuvierzi la realizazion di oparis e di cemût che si è fat su la sô preson verde.

Il taramot al segne un cambiament te art di Giovanni, ma il fîl condutôr de sô esistence al è chel che se une persone e à un sium, nol è nuie che le podedi fermâ e se no si piert di voli l’obietîf, prin o dopo, si rive al risultât sintintsi realizâts; propit tant che Giovanni.

 

 

 

martedì 20.2 h 21.20
replica venerdì  23.2  h 21.40

 

 

FAM DI CLAPS

di David Nicoloso

Un ritratto sulla vita dello scultore friulano Giovanni Patat d'Artegna, disegnato da lui stesso e dalle persone che gli sono state più vicine lungo tutti questi anni: sua moglie e i suoi tre figli. Diversi punti di vista che raccontano la storia di un uomo che ha scelto di diventare scultore e di vivere della sua Arte nonostante tutte le difficoltà. Entriamo nella sua casa di Artegna, curiosando fra le opere in mostra, incontrandolo nel suo laboratorio, dove le pietre povere vengono trasformate in opere d'arte.

 Giovanni all'età di 93 anni lavora ancora realizzando delle piccole sculture che possono essere paragonate a dei viaggi, un'esplorazione interna della pietra che come lui stesso dice, “...è la più bella scultura che si possa fare.” Un racconto che dal presente si sposta anche nel passato facendoci scoprire la realizzazione di alcune opere e di come si è costruito la sua verde prigione.

Il terremoto segna un cambio nell'arte di Giovanni , ma il filo conduttore della sua esistenza è che se una persona ha un sogno, non c'è nulla che la possa fermare e se non si perde di vista l'obiettivo prima o poi lo si raggiungerà, sentendosi realizzati; proprio come Giovanni.