Giornale radio


VINTAGE - Canzoni, oggetti, sentimenti che non passano mai di moda

IN ONDA IL GIOVEDI' ALLE 11.20

PUNTATA DEL 30 SETTEMBRE


Si conclude il nostro “viaggio nella memoria”.

Interviste a Gianni Morandi e Flavio Paulin, cantante triestino dei primi Cugini di campagna. I classici sono “Sabato pomeriggio” di Claudio Baglioni, “Quanno chiove” di Pino Daniele e “Woman” di John Lennon. Ascoltiamo finalmente per intero “Don’t get me wrong”, dei Pretenders (nella foto), per tre mesi sigla del programma. La musica prosegue con Nirvana, a trent’anni dall’uscita di “Nevermind” e dallo storico concerto di Muggia, e Art of noise.

 




ASCOLTA E SCARICA LE PUNTATE




Vintage è bello! Perché è bello ricordare. Tutti abbiamo una canzone preferita che ci riporta ad un periodo importante, una situazione, una persona... una specie di colonna sonora della nostra vita, che aggiorniamo continuamente. E oltre alle canzoni ci sono i luoghi, i ritrovi, gli oggetti usati che evocano emozioni e sentimenti. Ecco allora una sorta di “greatest hits” della memoria, con i brani e tutte le altre cose che hanno segnato maggiormente gli ultimi decenni, in particolare dagli anni ’70 del secolo scorso al 2000, nella nostra regione e non solo. Raccontarlo può essere catartico per chi l’ha vissuto ma anche per i più giovani, che forse non sanno di quanto quella stagione di creatività e libertà sia stata fondamentale per più di una generazione, ma che tuttavia amano e cantano Battisti, De Gregori, Dalla, De André, Venditti, e studiano i mostri sacri del Rock per trarre ispirazione e rinnovare la musica contemporanea.

In questa nuova rubrica sentiremo i protagonisti di quell’epoca d’oro: i conduttori radiofonici delle “radio pirata”, i cantanti, le Miss, i giornalisti che, partiti da raffazzonati studi radiofonici hanno poi costruito una carriera nei maggiori network, rievocheremo il mondo delle discoteche con barman e DJ, i ritrovi, le sale da ballo con la musica dal vivo delle più amate orchestre, i dischi in vinile inghiottiti dai colorati mangiadischi e i negozi di dischi che la rivoluzione digitale ha spazzato via.

Al timone di questo “viaggio nella memoria” Carlo Muscatello (per tanti anni redattore e critico musicale del quotidiano “Il Piccolo” e collaboratore di radio, tv e iniziative editoriali del Corriere della sera) e Graziano D’Andrea (voce storica della radiofonia del Nordest, animatore di serate nelle piazze e nelle discoteche). Regia di Daniela Picoi.



 





 

  • DI E CON

    GRAZIANO D'ANDREA E CARLO MUSCATELLO

  • A CURA DI

    DANIELA PICOI

  • CONTATTI

    Tel: +39 0407784277
    programmirai.fvg@rai.it