Giornale radio


PARAPAPUNZI

IN ONDA IL SABATO DALLE 11.30 ALLE 12.00

Un programma realizzato nel 1992 dalla Struttura dei Programmi italiani

Parapapunzi appartiene al genere di rivista dialettale (El Campanon, Cari Stornei ecc.) che, a partire dagli anni ’50 del secolo scorso, rallegrò gli ascoltatori della nostra storica emittente – gli anziani ne sanno qualcosa. Ugo Amodeo e Ruggero Winter, altrettanto storici registi, all’epoca avevano già raggiunto l’età della pensione e Nereo Zeper si era da poco affacciato al ruolo dei due monumenti della radiofonia locale. Winter, però, era ancora attivo e ogni tanto veniva a supportare il non più giovane seguace. Così fu allestita Parapapunzi, il cui titolo ricalcava quello della canzone di Loretta Goggi del ’72 Taratapunzi. Conduttori erano appunto Ruggero Winter e Nereo Zeper (nella foto), che ne era anche il regista. Si riesumavano macchiette delle riviste radiofoniche e dei vecchi cabaret anteguerra.

Di Carpinteri e Faraguna c’erano el Noneto (interpretato da Luciano Del Mestri), Bortolo (interpretato da Gianfranco Saletta) e El fio de mama (interpretato da Ruggero Winter stesso); di Eugenio Valenti c’era Gigi Lipizzer (interpretato da Ugo Amodeo); di Sergio Penco Toio Bertoldo (interpretato da Luciano Volpi). C’era qualche canzonetta del vecchio repertorio triestino e c’era dialetto, tanto dialetto. Sono passati trent’anni e già allora Parapapunzi era un tuffo storico nelle teche della nostra Rai. Facciamo storia, dunque!





ASCOLTA E SCARICA LE PUNTATE

  • CON

    NEREO ZEPER E RUGGERO WINTER

  • REGIA DI

    NEREO ZEPER