Giornale radio


Raiplay

CONTE CHE TI CONTI

In onde la sabide aes 13.42
In onda il sabato alle 13.42

Sabato 22 giugno

 

 

“Ce crodistu di fâ?!”, 3 pontade
 

La version radiofoniche de gnove produzion dal Teatri Stabil Furlan “Ce crodistu di fâ?!”, gjavade fûr des ripresis televisivis des provis in teatri dal spetacul che nus conte la storie di un coltivadôr diret che al vîf cu la vecje mari e che al fronte un mistîr che al cambie pai mudaments dal clime e di une burocrazie simpri plui impegnative.

 

Un spetacul voltât par furlan dal origjinâl in lenghe frisone, un progjet che intun inedit rapuart transeuropean al mostre dôs lenghis minoritaris e dôs culturis che a àn cetantis robis in comun, fasintnus capî che la vite di un contadin furlan no je cussì diferente di chê di un olandês, e che, forsit, pôc al è cambiât jenfri la nestre gjenerazion e chê dai nestris paris. 

 

Protagoniscj di cheste version furlane i atôrs Federico Scridel e Carla Manzon.

 

 

 

“Ce crodistu di fâ?!”, 3a puntata
 

La versione radiofonica della nuova produzione del Teatri Stabil Furlan “Ce crodistu di fâ?!”, ricavata dalle riprese televisive delle prove in teatro dello spettacolo che racconta la storia di un coltivatore diretto che vive con la madre anziana e affronta un lavoro che cambia per via dei mutamenti climatici e di una burocrazia sempre più impegnativa.

 

Uno spettacolo tradotto in friulano dall'originale in lingua frisone, un progetto che in un inedito rapporto transeuropeo mostra due lingue minoritarie e due culture che hanno molte cose in comune, facendoci comprendere come la vita di un contadino friulano non sia così differente da quella di un olandese e che, forse, poco sia cambiato tra la nostra generazione e quella dei nostri padri.

 

Protagonisti di questa versione friulana gli attori Federico Scridel e Carla Manzon.

 

 

 

 

https://www.raiplaysound.it/programmi/contecheticonti

 

ASCOLTA E SCARICA LE PUNTATE

 

Conte che ti conti

(leturis, teatri, senegjâts)



Un spazi dedicât dulà podê scoltâ la nestre lenghe, contade, dite o recitade, traviers lis produzions, dispès gnovis, de nestre regjon.

 

 

Conte che ti conti

(letture, teatro, sceneggiati)



Uno spazio dedicato dove poter ascoltare la nostra lingua, raccontata, detta o recitata, attraverso le produzioni, spesso inedite, della nostra regione.