Giornale radio



DIVINE COMEDIE

In onde dal lunis al vinars, aes 15.30 par 5 minûts
In onda dal lunedì al venerdì alle 15.30 per 5 minuti

DIVINE COMEDIE

di Dante Alighieri

 

A cura di

Stefano Rizzardi

 

VOCI:

Stefano Rizzardi

(Inferno & Purgatorio)

Aida Talliente

(Purgatorio)



 

INTRODUZIONI ai CANTI: Paolo Patui

MUSICHE ORIGINALI: Arno Barzan

 


SINOSSI FURLAN
 

La leture da la prime cantiche (trentecuatri pontadis) e à a ce fa cu la part basse da l'Infier, ven a stâi il cercli numar vot, clamât ancje Malebolge, cu la zonte dal cercli numar nûf (la palût di Cocito, dulà che al è implantat Lucifero.

La conte a scomence cun il cjant numar sedis, dulà che Gerione, diaul svoladôr al puarte Dante e Virgilio su la fonde dal Burrato, che al separe il cercli numar siet da chel che al ven dopo. Daspò a si conte di Ulisse, di Guido da Montefeltro e di Ugolino. prime di rivâ al cjant trentecuatri, dulà che i doi visitadôrs a rivin a vignî fûr da la plere infernâl par tornâ a “viodi lis stelis”. Malebolge al è il toc dal poeme dulà che a si sint miôr la scriture comiche, realistiche e strambade, che Dante a sa realizâ cun grande maestrie. Il Purgatori invezit al sarà rapresentât cu la leture (dîs pontadis) dai cjants dal vincjevot al trentetrê, cuant che Dante, intal mieç dal Paradiso Terrestre al cjate prime la figure di Matelda, e daspò Beatrice, che lu cridarà ben e no mal par il so straviament di zoventût.

Dutis lis pontadis a si vierzin cuntune conte svelte fate di Paolo Patui, che al crearà cussì le atmosfere par lâ dentri a ogni episodi, che al si valarà da la leture di Stefano Rizzardi (cun Aida Talliente intal Purgatori) acompagnade dal coment in musiche di Arno Barzan.

La traduzion par furlan da l'Infier e je opare di Pierluigi Visintin inte edizion stampade ains fa da Kappa Vu. La traduzion dal Purgatori e je invezit di Aurelio Venuti, simpri par lis edizions di Kappa Vu. Il progjet al gjolt dal Patrocini dal Teatri Stabil Furlan.



SINOSSI ITALIANO


La lettura della prima Cantica (34 puntate) interessa la zona del Basso Inferno, che comprende l’Ottavo Cerchio, conosciuto anche come "Malebolge", e il Nono (la palude di Cocito), in fondo al quale è confitto Lucifero.

La narrazione comincia dal canto XVI, con l’apparizione di Gerione, demone alato che trasporterà Dante e Virgilio alla base del burrato che separa il settimo dall’ottavo cerchio. Procede poi, dopo gli incontri con personaggi come Ulisse, Guido da Montefeltro e Ugolino, fino al canto XXXIV, dove i due viaggiatori escono dall’imbuto infernale per “riveder le stelle”. Malebolge è la lunga sequenza del poema dove è più viva la dimensione comico-realistico-grottesca, uno dei punti di forza dell’arte dantesca. Il Purgatorio sarà toccato dalla lettura (10 puntate) dei canti dal XXVIII al XXXIII, dove Dante, attraversando il Paradiso Terrestre, si imbatte in figure femminile come Matelda e poi Beatrice, che gli rinfaccerà duramente il suo “sviamento” giovanile.

Ogni puntata inizia con un’agile narrazione di Paolo Patui, che crea l’atmosfera propizia all’ascolto dei Canti. Segue la lettura interpretata di Stefano Rizzardi (assieme ad Aida Talliente, nel Purgatorio) sorretta dal commento musicale di Arno Barzan.

La traduzione in friulano, per l’Inferno, è quella di Pierluigi Visintin, nell’edizione pubblicata anni fa da Kappa VU a cura di Alessandro Carrozzo. La traduzione del Purgatorio è, invece, di Aurelio Venuti, ancora per Kappa Vu. Il progetto ha ottenuto il Patrocinio del Teatro Stabile Friulano.


ASCOLTA E SCARICA LE PUNTATE



PURGATORI - PURGATORIO
 

 

10.5 Il cumiât di Virgjili. Il Paradîs terestri.

Cjants XXVII e XXVIII: Virgjili al à finide la sô mission, e lu dîs a Dante. Il Poete si incjamine viers un lûc plen di bielece: al è il Paradîs terestri. Pôc dopo al cjate une figure feminine misteriose. 

 

11.5 Matelda.

Cjant XXVIII. La femine e je Matelda, che e cjape sù rosis cjantant. Dante al è in dubi; la biele femine, alore, i spieghe dulà che al è e la origjin dal aiar e de aghe dal Eden.

 

12.5 La procession sacre.

Cjant XXIX. Dante al viôt e al sint robis che nol rive a decifrâ. Daûr di siet doplêrs, e rive une procession sacre; tal mieç di chê, al è un cjar che si ferme juste denant di lui.

 

13.5 Beatrice. La aparizion.

Cjant XXX. Sul cjar, tal mieç di un nûl di rosis, e ven fûr Beatrice e Dante al sint la Potence dal Amôr antîc. Beatrice, tant che une mari severe, lu cride, fin a fâlu vaî.

 

14.5 Beatrice: la colpe di Dante (1).

Cjants XXX e XXXI. Beatrice i bute in muse a Dante di vê pierdût la “vie mestre” e lu invide a pintîsi. Dopo i ordene di ameti lis sôs colpis.

 

 

10.5 Il commiato di Virgilio. Il Paradiso Terrestre.

Canti XXVII e XXVIII: Virgilio ha finito la propria missione, e lo dice a Dante. Il Poeta si inoltra in un luogo pieno di bellezza: è il Paradiso Terrestre. Poco dopo incontra una misteriosa figura femminile.

 

11.5 Matelda.

Canto XXVIII. La donna è Matelda, che raccoglie fiori cantando. Dante è dubbioso; la bella donna, allora, gli spiega dove si trova, e l’origine del vento e dell’acqua nell’Eden.

 

12.5 La sacra processione.

Canto XXIX. Dante vede e sente cose che non riesce a decifrare. Dietro sette candelabri, sopraggiunge una sacra processione; al centro di essa un carro, che si arresta proprio di fronte a lui.

 

13.5 Beatrice. L’apparizione.

Canto XXX. Sul carro, in mezzo ad una nuvola di fiori appare Beatrice, e Dante sente la Potenza dell’Antico Amore. Beatrice, come una madre severa, comincia a rimproverarlo, fino a farlo piangere.

 

14.5 Beatrice: la colpa di Dante (1).

Canto XXX e XXXI. Beatrice rinfaccia a Dante lo smarrimento della “diritta via” e lo invita al pentimento. Poi gli comanda di confessare le proprie colpe.

 

 

 

 




Nell’immagine Dante e Beatrice in un dipinto