Giornale radio


CEMÛT SI DISIA?

IN ONDE DAL LUNIS AL VINARS, AES 15.30
IN ONDA DAL LUNEDÌ AL VENERDÌ ALLE 15.30

 

In tancj mi domandais cemût che o ai fat a imparâ l’inglês cussì ben e jo o rispuint simpri: voltant i tescj des cjançons che mi plasevin.

E tache cussì la prime pontade, dulà che Doro nus spieghe cemût che o podìn voltâ la espression par inglês looking for trouble, doprade di Elvis Presley intune des sôs cjançons plui famosis. Secont Doro, la traduzion mancul leterâl e je ancje la plui biele: lâ a cirî gnot.
Al è propit chest si propon di jessi CEMÛT SI DISIA: une lezion di inglês che no sedi peade ae gramatiche o ae traduzion leterâl. Pluitost il contrari: Doro al à une atenzion particolâr pal lengaç fevelât, colocuiâl e pe forme vive de lenghe.

Luca Dorotea, cognossût ancje tant che Doro Gjat, al è un rapper e operadôr culturâl di origjins furlanis.

 

 

“Tutti mi chiedono come ho fatto ad imparare l’inglese così bene e io rispondo sempre: traducendo i testi delle canzoni che mi piacevano…”

Inizia così la prima puntata di CEMÛT SI DISIA? nella quale Doro spiega l’espressione looking for trouble, utilizzata da Elvis Presley nella sua canzone Trouble, effettuandone una traduzione non letterale: la a cirisi gnots, appunto. E proprio questo ciò che si propone di essere CEMUT SI DISIA? una lezione di inglese non letterale ma aderente alla lingua parlata, alle espressioni colloquiali che identificano una lingua come viva.

Luca Dorotea
, conosciuto anche come Doro Gjat, è rapper ed operatore culturale di origini friulane.





 

Pontade 26

I should let sleeping dogs lie/Miôr no smovi il madracâr 

In cheste pontade o tabaìn di un mût di dî che par inglês e par talian al è compagn. In marilenghe però e je dute une altre storie!


Pontade 27

Cut the crap/Fasìnle curte  

Une espression colocuiâl famose in dut il mont e à il so ecuivalent ancje par furlan! Une cjançon di Paul Laurence nus jude a capîlu miôr.


Pontade 28

Leave it to me/Lasse stâ che o fâs jo 

A son situazions dulà che al è propit il câs di cjapâ in man la situazion e risolvile. Cemût si disial par inglês “Lasse stâ che o fâs jo?”


Pontade 29

Been there, done that/O sai ben  (foto)

Al vûl savût, e nô furlans lu savìn un grum ben. Viodìn invezit i inglês cemût che lu disin.


Pontade 30

Shake a leg/Moviti 

Te ultime pontade, o voltìn par inglês une espression tipiche cjargnele: moviti!

 

Puntata 26

I should let sleeping dogs lie/Non stuzzicare il can che dorme 

In questa puntata parliamo di un proverbio, uno dei più diffusi. La traduzione in inglese e in italiano è identica; ma come si dice in friulano “non stuzzicare il can che dorme?”


Puntata 27

Cut the crap/Arriviamo al dunque  

Un’espressione colloquiale diffusa in tutti i continenti ha un equivalente anche nella lingua inglese: Paul Laurence ci aiuta a capirlo meglio.


Puntata 28

Leave it to me/Me ne occupo io 

Delle volte si sente la necessità di risolvere una situazione perché si è ben consapevoli di essere in grado di farlo. Una situazione che i lavoratori friulani conoscono bene.


Puntata 29

Been there, done that/Già sentito, già visto  (foto)

L’esperienza è la maestra migliore che si possa avere. Capiamo come gli inglesi e i friulani esprimono questo concetto.


Puntata 30

Shake a leg/Sbrigati

Nell’ultima puntata traduciamo un’espressione inglese nella variante carnica della lingua friulana

 




 

ASCOLTA E SCARICA LE PUNTATE







  • Program condusût e scrit di

    DORO GJAT

  • Programma scritto e condotto da

    DORO GJAT