Giornale radio


CON LE MANI, CON I PIEDI, CON IL CUORE - escursione settimanale fra i talenti, i saperi e le bellezze del nostro territorio

IN ONDA IL MERCOLEDI' ALLE 11.20

PUNTATA DEL 28 SETTEMBRE


 

E per quest’ultima puntata presentiamo un progetto particolare che ha visto attivarsi una risposta spontanea e di grande risonanza emotiva da parte della popolazione. Stiamo parlando di “Trent'anni senza Moretti”, lavoro caratterizzato da un forte simbolo identitario. Ad accorgersi di questo indissolubile rapporto tra la storica birra, i suoi luoghi e la comunità, a dimostrazione di quanto questo legame risulti ancora vivo nonostante a Udine e in Friuli sia andata perdendosi quasi ogni traccia dell'attività in questione, e a vedere nel baffone un simbolo della città è stato Fabien Marques, artista visivo francese che oggi vive e lavora a Udine. Con il coordinamento di Marta Tasso, questa progettualità a cura di ISOIPSE e Altreforme, con il  sostegno di una nutrita rete di collaborazioni sul territorio, ha attivato una prima fase di ricerca etnografica partecipativa che ha visto la raccolta di testimonianze orali inedite, di oggetti, manufatti e memorabilia in possesso di privati, fino a creare un archivio collettivo d'immagine e narrazioni, popolare e condiviso, il cui materiale in seguito è stato raccordato in un archivio digitale e un sito web dedicati. A prosecuzione, a breve una mostra presso il Museo Etnografico, in collaborazione con i Civici Musei e il Comune di Udine, dove si potranno visionare i materiali in interazione e confronto con le creazioni contemporanee immaginate da Fabien Marquez. Una particolarità: a presentare oggetti e ricordi saranno gli stessi testimoni del tempo che parleranno del loro rapporto con la Moretti contribuendo così a costruire e tramandare una memoria collettiva in questi anni rimasta celata, seppur custodita, nelle case friulane; infine nell’indagine del  rapporto tra la birra e il territorio si vuole attivare una riflessione sulla trasformazione del lavoro in un mondo produttivo globalizzato e sull'identità collettiva a partire dal rapporto simbolico con i luoghi.

Dopo la nostra consueta pillola filosofica che ci porterà ad affrontare la valenza del concetto di memoria, chiuderemo icasticamente in simposio esaminando la convivialità, per concludere la nostra puntata con l’argonauta Elena Commessatti che intervisterà Simeone Morassi (foto), maestro liutaio di Cremona, anticipando i contenuti dell’importante laboratorio dedicato alla liuteria che si terrà al Conservatorio di Udine da novembre. Con la storia della liuteria sul territorio, dai suoi inizi nel Settecento fino al racconto dell’abete rosso di risonanza del Tarvisiano, si chiude questo spazio dedicato alla qualità del sapere artigianale in Friuli Venezia Giulia.

  

 





ASCOLTA E SCARICA LE PUNTATE




Un contenitore radiofonico per un viaggio che attraversa i luoghi e le risorse del nostro territorio. Riflessioni, itinerari originali e un turismo consapevole ci faranno riscoprire la bellezza e la cultura dei borghi con il loro artigianato, le nuove botteghe, le tecniche e le particolarità artistiche e quelle naturali meno conosciute. In ogni puntata anche un omaggio del cuore a uno scrittore.

Con le mani, con i piedi, con il cuore quest’anno racconta poi anche un nuovo modo di stare assieme, perché unendo passioni, competenze e ideali si costruiscono “comunità”. Cercheremo insomma di proporre percorsi di vita per scoprire persone e cose e vivere la nostra regione in modo originale, più ricco e  più sostenibile.  Infine, ci fermeremo a riflettere su tutto questo attingendo al pensiero e agli scritti dei filosofi più famosi, quelli che nel tempo hanno “indicato la via”.

  • DI E CON

    ARIANNA ZANI, ELENA COMMESSATTI E GIACOMO PLOZNER

  • A CURA DI

    ARIANNA ZANI

  • CONTATTI

    Tel. +39 0432 627656
    arianna.zani@rai.it