Giornale radio


CASA FRIULI: INCONTRI, CULTURA, AMBIENTE, SOCIETÀ

IN ONDA DAGLI STUDI RAI DI UDINE IL MARTEDI' DALLE ORE 13.29 alle ore 15.00

PUNTATA DEL 29 GIUGNO

Apriremo la puntata presentando “AI REGIO”, l’iniziativa europea finanziata nell’ambito di Horizon 2020, il Programma della Commissione Europea per la Ricerca e l’Innovazione. Con noi Saverio Maisto, direttore del Cluster della Metalmeccanica del FVG. Con lui cercheremo di capire, come attraverso questo bando, le aziende manifatturiere friulane hanno l’opportunità di sviluppare e avviare importanti progetti per l’applicazione delle tecnologie abilitanti per l’industria 5.0. 

Poi, parleremo di un’eccellenza friulana, punto di riferimento nel mondo della refrigerazione industriale e dei data center: il gruppo Refrion, che ha una Camera Climatica, riconosciuta come l’area test più grande d’Europa dedicata ai raffreddatori di liquido. 

A seguire parleremo delle tecniche di digitalizzazione fotografica attraverso le quali si è creata   una fedele riproduzione di uno dei capolavori del Tiepolo “La Virtu’ e la nobiltà che scacciano l’ignoranza”, tornata a Palazzo Caiselli a Udine.  Con noi il fotografo Cesare Genuzio e la professoressa Linda Borean del Dium.  

Incontreremo quindi due tra le giovani collaboratrici di Don Alessio Geretti, curatore della mostra d’arte allestita ad Illegio CAMBIARE. Con Nicole Pravisani ed Erica De Gasperin, che fanno parte del Comitato di San Floriano, parleremo di come gli abitanti di questo borgo carnico siano riusciti a trasformarlo in uno scrigno d’arte, che richiama tanta gente ad ammirare capolavori provenienti dai più grandi musei del mondo. 

In scaletta focus sui finanziamenti del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale. Vedremo come i beneficiari abbiano potuto realizzare progetti   considerati virtuosi nell’ambito della programmazione 2014-2020, all’interno del programma “Le buone idee fanno la differenza”. Prevista anche una campagna di comunicazione ad hoc per raccontare e fornire degli esempi concreti al cittadino. 

A Maniago scopriremo la mostra LA MEMORIA (nella foto) dove l’arte fabbrile si fa ricordo collettivo e diventa un’esperienza condivisa. È questa una delle iniziative promosse per “Coltello in festa”, un progetto di comunità destinato a crescere grazie all’apporto sempre nuovo di documenti, fotografie, oggetti, testimonianze scritte e orali, sulla vita passata e presente della cittadina friulana. 

Infine, chiuderemo la puntata con Antonio Galetta, laureando dell’Università di Udine e allievo della Scuola superiore dell’Ateneo che ha ricevuto la Menzione speciale della 34ª edizione del Premio letterario Italo Calvino per il suo romanzo d’esordio “La pace sotto gli ulivi”., dedicato alla malattia che ha colpito gli uliveti del Salento. Dopo la laurea triennale in Lettere Antonio sta completando il corso di laurea magistrale in Italianistica con una tesi intitolata “Gomorra di Roberto Saviano: genealogia e genesi”

 

 

ASCOLTA E SCARICA LE PUNTATE 

  

Un riflettore puntato sugli eventi culturali e sulle arti, ma anche sui cambiamenti del costume e sulle problematiche del sociale: dalla sanità pubblica alle realtà del volontariato, dai servizi sul territorio alla salvaguardia dell’ambiente. “Casa Friuli” si ripromette di essere per davvero la casa di tutti, dove incontrarsi e scambiare opinioni, dando conto delle iniziative a favore dei più giovani e raccogliendo testimonianze degli anziani, che diventeranno così una piccola collana di storie di vita “emblematiche” (In Podcast si possono trovare le versioni integrali delle interviste di particolare interesse).

 


Ti potrebbe interessare anche

OBIETTIVO FRIULI 

VUÊ O FEVELìN DI… 

  • DI E CON

    ANTONIA PILLOSIO E ARIANNA ZANI

  • CONTATTI

    +39 040 7784389 - +39 0432 627656
    antonia.pillosio@rai.it
    arianna.zani@rai.it