Giornale radio


VUÊ O FEVELìN DI…

 

Un program di atualitât, costum, culture e societât, in onde ogni dì: dal lunis al vinars,  aes  11.10 di buinore (par  dîs minûts) e daspò misdì aes 15.15.


L'appuntamento quotidiano in lingua friulana.  10 minuti la mattina alle 11.08 per mettere a fuoco un problema, con l'aiuto degli ospiti, o per segnalare una novità; 15 minuti il pomeriggio, dalle 15.15 alle 15.30 sull'attualità culturale in Friuli.




h. 11.10

 

 

 

LUNIS AI 28 DI NOVEMBAR Un incuintri a pene finît tal pordenonês che al à metût adun 15 aziendis e 210 puescj di vore cun plui di 500 curriculum; pe metât di Dicembar al è bielzà pront un incuintri tra domande e ufierte di 40 aziendis artesanis e 82 puescj di vore sul teritori udinês. Pai prins cuatri mês dal prossim an, a son za in agjende un grum di apontaments par rispuindi aes necessitâts des aziendis. E je cheste la ativitât continue dal servizi pes impresis dal assessorât regjonâl dal lavôr. Ospit: Gianni Fratte, funzionari de Direzion centrâl dal lavôr de Regjon. 

 

MARTARS AI 29 DI NOVEMBAR Il 38,7% des impresis in Friûl-Vignesie Julie e à fat invistiments “verts” tai agns 2017-2021, cuntun valôr di un pont in plui de medie taliane. In particolâr tal teritori di Udin, a àn invistît in prodots e tecnologjie verde il 37,4% des impresis e in chel di Pordenon il 43,2 %. Un procès che al à interessât la filiere dal len in regjon, che e conte 2.800 impresis e e ocupe cuasit 20.000 lavoradôrs, cuntune esportazion cressude dal 40% rispiet al 2019. La sostenibilitât e je duncje la clâf pal sucès sul marcjât. Ospit: Carlo Piemonte, diretôr dal cluster “Legno  Arredo Casa” 

 

MIERCUS AI 30 DI NOVEMBAR Trentenûf students veterinaris che a rivin di dutis lis bandis de Italie a son stâts ametûts al IX cicli de Scuele di specializazion in agheculture de Universitât dal Friûl. Une scuele nassude tal 1992, la prime in Italie - dopo de lauree in chest cjamp - che e da une preparazion specifiche in arlevament, igjiene, patologjie des speciis de aghe e control dai prodots dal pes. E à il non di Domenico Lanari, l'ideadôr de scuele che le à direzude fintremai al 2009. Lis lezions pratichis e teorichis si davuelzin tai laboratoris didatics e tai acuaris sperimentâi. Ospit: il professôr Emilio Tibaldi. 

 

JOIBE IL 1 DI DICEMBAR  Ce i covential al biologjic dal Friûl-Vignesie Julie par incressi benon? E je la domande di fonde che si è cirût di dâi une rispueste in chescj dîs tal apontament promovût de Ersa, cun plui sogjets, te suaze dal progjet «Promozion dal biologjic dal cjamp ae taule». Il stât de agriculture biologjiche in regjon si è metût in rapuart cun chel european e la vôs de Scuele Sant'Anna di Pise e à spiegât parcè che «nus covente plui agriculture biologjiche». Ospit :Cristina Micheloni  Aiab 

 

VINARS AI 2 DI DICEMBAR La dificoltât di fâ imprese tai lûcs di perifarie: lis prospetivis pes Vals de Midune tra ce che al è stât fat e progjets di realizâ. Al è su chest troi che, chê altre sere, a Tramonç Disot, alì de Cjase de Cognossince, la Comunitât di progjet e à dât apontament par verificâ cemût che si incrosin i progjets publics peâts al Pnrr e ae programazion europeane cu lis ativitâts che a son presintis sul lûc e cemût che a puedin contribuî al svilup di impresis gnovis. Ospit: Rosetta Facchin Sindic Tramonç Disot. 

 

LUNEDÌ  28 NOVEMBRE  Un incontro appena concluso nel pordenonese che ha fatto incontrare 15 aziende e 210 posti di lavoro con oltre 500 curriculum; a metà dicembre già pronto un incrocio tra domanda e offerta per 40 aziende artigiane e 82 offerte sul territorio udinese. Per i primi quattro mesi del prossimo anno in agenda già diversi appuntamenti per rispondere alle richieste delle imprese. È l’intensa attività del servizio interventi per lavoratori e imprese della Direzione centrale dell’assessorato regionale al Lavoro. Ospite: Gianni Fratte funzionario della Direzione. 

 

MARTEDÌ 29 NOVEMBRE  Il 38,7% delle imprese in Friuli Venezia Giulia ha effettuato eco-investimenti nel quinquennio 2017-2021, con un valore di un punto superiore a quello medio italiano (37,6%) e in particolare, nel territorio di Udine, ha investito in prodotti e tecnologie green il 37,4% delle imprese e in quello di Pordenone il 43,1%.  Un processo che ha interessato la filiera del  legno-arredo in regione conta 2800 imprese e occupa quasi 20 mila addetti, con un export cresciuto del 40% rispetto al 2019. Sostenibilità è dunque la chiave per il successo sul mercato. Ospite: Carlo Piemonte, direttore Cluster Legno-Arredo. 

 

MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE  Trentanove “studenti” già veterinari provenienti da diverse parti d’Italia sono stati ammessi quest’anno al IX ciclo della Scuola di specializzazione in Acquacoltura dell’Università di Udine. Una scuola nata nel 1992, la prima post laura nel suo genere in Italia dà una preparazione specifica in allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche  e controllo dei prodotti derivati. È intitolata a Domenico Lanari, l’ideatore che la diresse fino al 2009. Le lezioni sono teoriche e pratiche e queste si svolgono nei laboratori didattici e negli acquari sperimentali. Ospite: Emilio Tibaldi . 

 

GIOVEDÌ 1° DICEMBRE  Che cosa serve al biologico del Friuli Venezia Giulia per crescere bene? È una delle domande chiave cui si è cercato di rispondere in questi giorni nell’appuntamento promosso da Ersa insieme a diversi altri soggetti nell’ambito del progetto “Promozione del biologico dal campo alla tavola”. Lo stato dell’agricoltura biologica in regione si è rapportato con quello europeo e la voce della Scuola Sant’Anna di Pisa ha evidenziato perché “ci serve più agricoltura biologica”. Ospite: Cristina Micheloni di Aiab . 

 

VENERDÌ 2 DICEMBRE  La difficoltà di fare impresa nelle aree interne: le prospettive delle valli del Meduna, tra realizzazioni avvenute e progetti in essere. È lungo questo solco che l’altra sera a Tramonti di Sotto alla Casa della Conoscenza la Comunità di progetto dell’area ha dato appuntamento per verificare come si intersecano i progetti pubblici legati al Pnrr e alla programmazione europea con le attività economiche esistenti e come possono contribuire allo sviluppo di nuove imprese. Ospite: Rosetta Facchin , Sindaco di Tramonti di Sotto.



 

h. 15.15 

 

 

LUNIS AI 28 DI NOVEMBAR “Stazion Confins” e je une gnove aplicazion che e compagne i visitadôrs a scuvierzi o a tornâ a scuvierzi il Friûl-Vignesie Julie. Traviers di une “mostre sonore”, che pal moment e rivuarde cinc localitâts cun visions e scoltis dedicadis, si à mût di vivi storiis curiosis caladis a Cividât, Gurize, Pordenon, Udin e Triest. Interviste a Elisa Copetti e Simone Ciprian de cjase editore Bottega Errante, tra i realizadôrs dal progjet. 
 

MARTARS AI 29 DI NOVEMBAR Il gnûf libri di Enzo Martines si intitule “Il Friuli a un bivio”, publicât di Kappa Vu. E je une “indagjin ae ricercje de anime spierdude de Piçule Patrie”, come che al segne il sottitul, tant che l’autôr si domande, e al domande, cuale strade che al rivarà a cjapâ o a proponi il Friûl inte dimension dal mont globalizât di vuê, daûr di ponts di viste diferents. Interviste a Giuliano Velliscig de cjase editore udinese. 

 

MIERCUS AI 30 DI NOVEMBAR Cludini al è un paîs de Cjargne, une frazion dal comun di Davâr, inte Val Dean, cognossude no dome par vie de sô miniere di carbon, ma par tantis altris cualitâts e bielecis che cumò a vegnin metudis in lûs, in graciis di une publicazion: “Cludini, un grignelut di mont. Storiis, testemoneancis e lûcs di un paisut cjargnel”. Interviste al autôr dal libri Delio Dell’Oste. 

 

JOIBE AI 1 DI DICEMBAR Bianca Agarinis Magrini e je une grande passionade di storie e e ame passâ il timp a discuvierzi e curiosâ dentri dal impuartant archivi di famee, chel dai Lupieri-Magrini conservât in cjase a Luint, in Val Dean. Lis sôs ultimis ricercjis a àn dât vite al libri “Cime tempestose. Alpinismo al femminile e storie d’amore”, publicât di Gaspari Editore. Une storie di amôrs, di passions, di fameis cjargnelis. Interviste ae autore. 

 

VINARS AI 2 DI DICEMBAR “Anime in crôs” e je la ultime publicazion in forme di libri dal mensîl furlan La Patrie dal Friûl e al met a dialic scrits di pre Toni Beline e di Agnul Floramo su Pier Paolo Pasolini. I prins a son jessûts inte “Trilogjie tormentade” tal ’95 e i seconts inte rubriche “Cjant e Discjant” de Patrie tal 2022. Interviste al diretôr dal mensîl furlan indipendent Walter Tomada e a Dree Valcic, gjornalist e promotôr atîf de identitât furlane. 

 

LUNEDÌ 28 NOVREMBRE “Stazione Confini” è una nuova applicazione che accompagna i visitatori alla scoperta o riscoperta del Friuli Venezia Giulia. Attraverso una “mostra sonora”, che al momento riguarda cinque località cun visioni e ascolti dedicati, si ha modo di vivere storie curiose calate a Cividale del Friuli, Gorizia, Pordenone, Udine e Trieste. Intervista a Elisa Copetti e Simone Ciprian della casa editrice Bottega Errante, tra i realizzatori del progetto. 

 

MARTEDÌ 29 NOVEMBRE Il nuovo libro di Enzo Martines si titola “Il Friuli a un bivio”, pubblicato da Kappa Vu. È una “indagine alla ricerca dell’anima dispersa della piccola patria”, come riporta il sottotitolo, tanto che l’autore si chiede e chiede quale strada il Friuli riuscirà a prendere o proporre nelle dimensioni globalizzata del mondo odierno, secondo diversi punti di vista. Intervista a Giuliano Velliscig, operatore della casa editrice udinese. 

 

MERCOLEDÌ 30 NOVEMBRE Cludìni è un paese della Carnia, una frazione del comune di Ovaro, nella Val Degano, un paese conosciuto non solo per la sua miniera di carbone, ma per tante altre qualità e bellezze che ora vengono finalmente messe in luce, grazie ad una pubblicazione: “Cludini, un granello di montagna. Storie, testimonianze e luoghi di un paesino carnico”. Intervista all’autore del libro Delio Dell’Oste. 

 

GIOVEDÌ 1 DICEMBRE Bianca Agarinis Magrini è una grande appassionata di storia e ama trascorrere il tempo a scoprire e curiosare dentro l’importante archivio di famiglia, quello dei Lupieri-Magrini conservato in casa a Luint, nella Val Degano. Le sue ultime ricerche hanno dato vita al libro “Cime tempestose. Alpinismo al femminile e storie d’amore”, edito da Gaspari Editore. Una storia di amori, passioni, di famiglie carniche. Intervista all’autrice. 

 

VENERDÌ 2 DICEMBRE “Anime in crôs”, Anima in croce, è l’ultima pubblicazione in forma di libro del mensile friulano La Patrie dal Friûl e mette a dialogo degli scritti di pre Toni Beline e di Angelo Floramo su Pier Paolo Pasolini. I primi sono usciti nella “Trilogia tormenata” nel 1995, i secondi nella rubrica “Cjant e Discjant”, canto e discanto, della Patria in quest’anno. Intervista al direttore del mensile friulano indipendente Walter Tomada e ad Andreal Valcic, giornalista e attivo promotore dell’identità friulana.



 

TI PODARÈS INTERESSÂ ANCJE


OBIETTIVO FRIULI

CASA FRIULI

ROTOCALCO INCONTRI



SCOLTE E DISCJAME LIS PONTADIS
 

 

  • A CURA DI

    ANTONIA PILLOSIO E ARIANNA ZANI

  • AL MICROFONO

    ANTONELLA LANFRIT E ALESSIO SCREM

  • CONTATTI

    Tel: +39 040 7784389
    antonia.pillosio@rai.it
    Tel: +39 0432 627656
    arianna.zani@rai.it