Giornale radio


VUÊ O FEVELìN DI…

Un program di atualitât, costum, culture e societât, in onde ogni dì: dal lunis al vinars,  aes  11.10 di buinore (par  dîs minûts) e daspò misdì aes 15.15.


L'appuntamento quotidiano in lingua friulana.  10 minuti la mattina alle 11.08 per mettere a fuoco un problema, con l'aiuto degli ospiti, o per segnalare una novità; 15 minuti il pomeriggio, dalle 15.15 alle 15.30 sull'attualità culturale in Friuli.

 

 





PROGRAMS PAR FURLAN – h 11.09


LUNIS AI 27 DI JUGN Miercus stât a Udin e je stade presentade la otave edizion di "SunS Europe", ven a stâi il festival des arts intes lenghis minorizadis che chest an si davuelzarà di joibe ai 30 di Jugn fintremai ai 26 di Novembar, cun undis events e une trentine di ospits, cjapant dentri ancje vot comuns dal Friûl. Duncje art, contaminazion, talent, plurilinguisim e creativitât a saran come simpri tal centri di chest contest artistic, metût adun de Cooperative di Informazion Furlane cul jutori de Regjon, de Arlef, dal Comun di Udin e de Fondazione Friuli, insiemi cul istitût basc Etxepare. A tornaran cussì in regjon musiche, cine, teatri e leterature, simpri intes lenghis minoritariis dal Vecjo Continent. La anteprime, in colaborazion cul CEC di Udin, e sarà al Cine Visionario cu la proiezion dal film catalan "Alcarràs" che al à vinçût l'Ors di aur al Festival di Berlin; invezit, il conciert finâl si davuelzarà tal Teatri Gnûf Giovanni da Udine ai 26 di Novembar. Ospit: Leo Virgili, diretôr artistic di SUNS Europe.


MARTARS AI 28 DI JUGN 
La mancjance di aghe di chest periodi e je simpri plui un probleme di atualitât une vore impuartant ancje in F-VJ. Di fat, la tiere sute e la mancjance di ploie dai ultins sîs mês no si regjistrave di almancul dîs agns, cui cjadins di mont che a àn il 70% di aghe di mancul e cul Tiliment ancje chel a sut. Une situazion che e sta metint in grande dificoltât e in zenoglon la agriculture e chei che a tirin sù lis bestiis, cui Consorzis di Bonifiche che a son obleâts a razionâ la aghe, e cu lis associazions di categorie tant che la CIA dal F-VJ simpri plui preocupadis. Il president de CIA F-VJ Franco Clementin, di resint al à fintremai declarât che lis istituzions e lis parts in cause a àn pierdût 20 agns cence fâ nuie e che duncje cumò bisugne cjapâ in man la situazion cun urgjence e viodi cemût frontâ il probleme. Par esempli, fasint ce che di agns incà a fasin intal Nord de Europe, o ben la "bacinizazion" de idrografie a nivel regjonâl. Ospit: Franco Clementin, President CIA F-VJ.
 

MIERCUS AI 29 DI JUGN A son pardabon impuartants i dâts dal marcjât des cjasis in F-VJ pal 2021, certificâts de Agjenzie des jentradis che e à cjapât za di timp lis funzions de ex Agjenzie dal Teritori (Catastic e OMI). A son stâts publicâts cussì, come ogni an, i rapuarts sul andament des venditis des cjasis a nivel talian e regjonâl. Duncje, in F-VJ a son stadis 17.500 lis venditis totâls, numar che no si viodeve di almancul 15 agns incà. A tirâ il setôr e je la ex provincie di Udin cun 7.784 venditis che a rapresentin il 44,5% di dute la regjon. Ben ancje lis secondis cjasis pal turisim cun Lignan, Tarvis e Sapade che insiemi a fasin cuasi il 20% dal totâl. La ex provincie di Udin tal insiemi e fâs segnâ un 30,9% in plui a pet dal 2020 e il 23,12% rispiet al 2019. Ospit: Leonardo Piccoli , Vicepresident nazionâl de FIAIP (Federazion Taliane dai Agjents Imobiliârs professioniscj), cun deleghe al turistic.


JOIBE AI 30 DI JUGN 
Grancj risultâts pai laureâts de Universitât dal Friûl che, dopo dome un an de lauree trienâl, a cjatin lavôr intal 79,2% dai câs, cuintri de medie taliane dal 74,5%. Po dopo, a son plui alts in confront cu la medie taliane ancje i dâts dai laureâts de magjistrâl. Simpri a un an de lauree, in chest câs, al va subit a vore l'85,2% di lôr, a pet di une medie taliane dal 74,6%. Un valôr che al va sù fintremai al 95% rispiet ae Italie, ferme al 89%, se si considerin i 5 agns daspò de lauree. Dut chest al è saltât fûr di resint tal XXIV (vincjesim cuart) rapuart sul profîl e su la cundizion dai puescj di vore dai laureâts, presentât la setemane stade dal Consorzi interuniversitari Almalaurea che al à cjapât dentri 76 universitâts talianis e che al declare Udin al cuart puest. Ospite: Carla Fioritto dal Career Center Ufici trasferiment tecnologjic e placement de Universitât dal Friûl.


VINARS AL 01 DI LUI 
Di resint, dal Medi Friûl e je vignude fûr une biele e curiose gnove cun protagonist il cjampanili di Mortean, ven a stâi il tor cu lis cjampanis plui alt de Italie, che al è stât fat sù tant che miniature in scjale fate dute cui modonuts Lego. A realizâ cheste opare alte 2,8 metris al è stât un zovin di 35 agns di Flumignan, Michele Pestrin, di simpri tant apassionât des costruzions cui Lego, che al à fat cognossi di pôc cheste sô realizazion straordenarie in ocasion di un event propit a Mortean, ma che lui al veve za puartade insom tal 2019. Une scomesse, la sô, partide par câs, biel che ogni dì par lavôr al passave e al passe inmò vuê par Mortean, e duncje denant dal cjampanili. Si che, dai vuê e dai doman, une biele dì al à decidût che e jere ore di riprodusi il cjampanili - fat dal architet Pieri Zanin tra il 1955 e il 1959 - in miniature e soredut cu la sô grande passion: i Lego. Ospit: Michele Pestrin, autôr de opare.


LUNEDI 27 GIUGNO 
Mercoledì scorso a Udine è stata presentata l’ottava edizione di Sun Europe il Festival delle arti in lingua minorizzata che quest’anno si svolgerà da giovedì 30 Giugno al 26 Novembre per un totale di undici eventi e una trentina di ospiti, in otto Comuni del Friuli. Arte, contaminazione, talento, pluralismo linguistico e creatività saranno come sempre le parole d’ordine di questo contenitore artistico organizzato dalla cooperativa Informazione Friulana con la Regione FVG, l'ARLeF, il Comune di Udine e la Fondazione Friuli, assieme anche dell'Istituto Basco Etxepare. Torneranno così in regione musica, cinema, teatro e letteratura declinati nelle lingue minoritarie del Vecchio Continente. L’anteprima, in collaborazione con il CEC di Udine, vedrà la proiezione al Visionario del film catalano «Alcarràs» vincitore dell’Orso d’Oro al festival di Berlino, mentre il concerto finale sarà al Teatro Nuovo Giovanni da Udine il 26 novembre. Ospite : Leo Virgili Direttore artistico SUNS Europe .


MARTEDI 28 GIUGNO 
La mancanza di acqua è uno dei temi che sta interessando sempre più l’attualità delle ultime settimane. La siccità ha assunto toni drammatici anche per il FVG e l’assenza di pioggia degli ultimi sei mesi non si registrava da decenni con gli invasi della montagna che registrano un meno 70% di quanto dovrebbero essere normalmente e anche il Tagliamento è senza acqua. Una situazione che sta mettendo in ginocchio agricoltura e zootecnia e con i Consorzi di bonifica costretti a razionare l’acqua e con il grido d’allarme delle associazioni di categoria come la CIA del FVG, che per bocca dsel suo presidente Franco Clementin sta sempre più facendo la voce grossa soprattutto sulla necessità che le istituzioni, dopo aver praticamente perso 20 anni di tempo, intervengano e si siedano a un tavolo per valutare strategie concrete di contenimento della carenza idrica, pensando anche a una bacinizazione dell'idrografia regionale, come avviene ad esempio già nel Nord Europa. Ospite : Franco Clementin Pres. CIA Fvg .


MERCOLEDI 29 GIUGNO
 Sono molto confortanti i dati del mercato immobiliare FVG 2021 certificati dall’Agenzia delle Entrate che ha incorpato l’ex Agenzia del Territorio (catasto e OMI) e che pubblica ogni anno i report trimestrali sull’andamento delle compravendite immobiliari nazionali e le statistiche regionali. Sono state 17.500 le vendite residenziali totali in FVG un numero che non si vedeva da almeno 15 anni. A trascinare il comparto è l’ex provincia di Udine con 7.784 compravendite che rappresentano il 44,5% del totale regionale. Molto bene le seconde case turistiche con Lignano, Tarvisio e Sappada che segnano quasi il 20% delle compravendite complessive territoriali. L’ex provincia di Udine fa segnare un +30,9% sul 2020 ed un +23,12% rispetto al 2019. Ospite : Leonardo Piccoli Vice Presidente Nazionale della FIAIP (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali) con delega al Turistico .


GIOVEDI 30 GIUGNO 
Ottimi risultati per i laureati dell’Università di Udine. A un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione dei laureati triennali del 2020 è del 79,2% contro la media nazionale del 74,5%. Più alti rispetto alla media italiana anche i dati dei laureati magistrali. A un anno dal conseguimento del titolo, il tasso di occupazione del 2020 è del 85,2% contro la media nazionale del 74,6%. Una percentuale che schizza al 95%, rispetto alla media nazionale ferma all’89%, a cinque anni dalla laurea, e che pone Udine al quarto posto in Italia. Tutto questo è emerso di recente dal XXIV Rapporto sul Profilo e sulla Condizione occupazionale dei laureati presentato la scorsa settimana dal Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, che ha coinvolto 76 atenei italiani aderenti. Ospite : Carla Fioritto del Career Center Ufficio trasferimento tecnologico e placement di UniUd


VENERDI 01 LUGLIO 
Di recente dal medio Friuli è balzata agli onori della cronaca una notizia molto curiosa e singolare che ha visto come protagonista inconsapevole il campanile di Mortegliano, la torre campanaria più alta d'Italia, che è stata riprodotta fedelmente in scala e interamente costruita con mattoncini lego. A realizzare fedelmente la copia alta 2,8 metri è stato un trentacinquenne di Flumignano, Michele Pestrin da sempre molto appassionato del mondo Lego, che ha reso pubblica la riproduzione solamente appunto di recente in occasione di un evento a Mortegliano ma che già dal 2019 aveva completato la sua realizzazione. Una scommessa partita per caso la sua, dalla routine quotidiana, dato che per lavoro si trova ad attraversare ogni giorno Mortegliano in auto. Proprio da quegli incontri cadenzati e obbligati e dalla sua grande passione per le costruzioni lego, è nata l'idea di omaggiare l'edificio progettato dall'architetto Pietro Zanin ed eretto tra il 1955 e il 1959.Ospite: Michele Pestrin che ha fatto l'opera.

 

 


PROGRAMS PAR FURLAN h. 15.15

 

LUNIS AI 27 DI JUGN Al slargje ancjemò di plui i orizonts, al insiore la cualitât des propuestis e al devente festival dai talents zovins, dutune cun afermâts artiscj internazionâi. Numars in cressite par “Carniarmonie” intes colaborazions e inte capacitât di cjapâ 29 Comuns cun 43 concierts – fin ai 10 di Setembar – in 35 localitâts diferentis: dai borcs aes glesiis, aes plêfs, ai cjampeis, dai museus aes salis polifunzionâls, ai palaçs.


MARTARS AI 28 DI JUGN
Dopo 14 agns di progjetazions e di lavôrs, al è stât screât di resint il gnûf percors turistic de Grote Gnove di Vilegnove, che al puarte i visitadôrs fin ae maestose Sale Regjine Margarite. Si è coronât cussì il sium dai prins esploradôrs, che za intal 1925 a vevin madressût la ambizion di puartâ il public fin a cuasi 150 metris di profonditât. In curt un implant par tornâ sù, midiant di une galarie di plui o mancul 170 metris, al permetarà di rivâ aes parts plui internis e inmagantis de cavitât.


MIERCUS AI 29 DI
JUGN “Storia del Friuli e dei friulani” di Walter Tomada, publicât di Biblioteca dell’Immagine, al è il libri di un popul, de sô tiere, des sôs cundizions di vite, de sô fede religjose e popolâr, di ce che al è sucedût intai siei milenis di storie, de ere glaciâl rivant in dì di vuê. Tomada, dopo agns di studi, ricercje e scriture, nus consegne une opare che e je un lunc, apassionant viaç ae ricercje des lidrîs profondis dal Friûl.


JOIBE AI 30 DI JUGN
35 itineraris che a passin il semicercli des culinis furlanis, dai confins ocidentâi dal Friûl fin ai Cuei Orientâi. Ju à metûts adun Alberto Candolini inte vuide “Colline del Friuli”, publicade di Odòs. A son cjaminadis semplicis, di podê fâ in dutis lis stagjons e justis pes fameis. Descrizions e mapis detaiadis a permetaran a ducj di svicinâsi ae scuvierte di un teritori che, ancje se “daûr di cjase”, al è ancjemò pôc cognossût e frecuentât.


VINARS IL PRIN DI LUI
E torne “L’arte non mente”, l’event che, dal 2014, al trasforme il Parc di Sant Svualt intune vetrine artistiche, un spazi dulà incressi ideis, libertât vitâl e oportunitâts. Dopo doi agns di polse par vie de pandemie, il Parc al darà acet fin al mês di Setembar a mostris, performances e incuintris. Par chel che al inten lis arts visivis, la edizion 2022, che e à par titul “Sotto cieli laterali”, e proponarà, dal Prin ai 23 di Lui, apontaments di art contemporanie creâts pal lûc - che al ospitave l’ospedâl psichiatric -  e la ocasion.



LUNEDÌ 27 GIUGNO
Allarga ancor di più gli orizzonti, accresce la qualità delle proposte e si fa festival dei giovani talenti, insieme con affermati artisti internazionali. Numeri in crescita per “Carniarmonie” nelle collaborazioni e nella capacità di coinvolgere 29 Comuni con 43 concerti – fino al 10 settembre – in 35 diverse località: dai borghi alle chiese alle pievi, agli alpeggi, dai musei alle sale polifunzionali, ai palazzi.


MARTEDÌ 28 GIUGNO
Dopo 14 anni di progettazioni e lavori è stato inaugurato di recente il nuovo percorso turistico della Grotta Nuova di Villanova, che conduce i visitatori fino alla maestosa Sala Regina Margherita. Si è coronato così il sogno dei primi esploratori, che già nel 1925 avevano maturato l'ambizione di portare il pubblico fino a quasi 150 metri di profondità. Presto un impianto di risalita, tramite una galleria di circa 170 metri, consentirà di raggiungere le parti più interne e affascinanti della cavità.


MERCOLEDÌ 29 GIUGNO
“Storia del Friuli e dei friulani” di Walter Tomada, edito da Biblioteca dell’Immagine, è il libro di un popolo, della sua terra, delle sue condizioni di vita, della sua fede religiosa e popolare, di cosa è accaduto nei suoi millenni di storia, dall’era glaciale al giorno d’oggi. Tomada, dopo anni di studio, ricerca e scrittura, ci consegna un’opera che è un lungo, appassionante, viaggio alla ricerca delle radici profonde del Friuli.


GIOVEDÌ 30 GIUGNO
35 itinerari che percorrono il semicerchio delle colline friulane, dai confini occidentali del Friuli fino ai Colli Orientali. Li ha raccolti Alberto Candolini nella guida “Colline del Friuli”, pubblicata da Odòs. Si tratta di camminate semplici, da potersi svolgere in tutte le stagioni e adatte a famiglie. Dettagliate descrizioni e minuziose mappe permetteranno a tutti di avvicinarsi alla scoperta di un territorio che, benché “dietro casa”, è ancora oggi poco noto e frequentato.


VENERDÌ 1 LUGLIO
Torna “L’arte non mente”, l’evento che, dal 2014, trasforma il Parco di Sant’Osvaldo in una vetrina artistica, uno spazio dove accrescere idee, libertà vitale e opportunità. Dopo due anni di pausa, dovuti alla pandemia, accoglierà fino a settembre mostre, performance e incontri. Per quanto riguarda le arti visive, l’edizione 2022, dal titolo “Sotto cieli laterali”, proporrà, dal 1° al 23 luglio, appuntamenti di arte contemporanea creati specificatamente per il luogo, che ospitava l’ospedale psichiatrico, e l’occasione.
 

 

 




 

 

 

  

 

TI PODARÈS INTERESSÂ ANCJE


OBIETTIVO FRIULI

CASA FRIULI

ROTOCALCO INCONTRI



SCOLTE E DISCJAME LIS PONTADIS
 

 

  • A CURA DI

    ANTONIA PILLOSIO E ARIANNA ZANI

  • AL MICROFONO

    ENRICO TURLONI ED ERIKA ADAMI

  • CONTATTI

    Tel: +39 040 7784389
    antonia.pillosio@rai.it
    Tel: +39 0432 627656
    arianna.zani@rai.it